dimagrire senza rinunce

S. Valentino, può il cibo contribuire all’amore?

L’amore è solo un cocktail chimico?

S.Valentino

Emory di Atlanta, Giorgia

In un articolo sulla rispettata rivista scientifica Nature, il professor Young asserisce che l’amore può essere spiegato da una serie di eventi neurochimici che avvengono in aree specifiche del cervello.

Se questo fosse vero non ci si dovrebbe più affidare alle ostriche o alla cioccolata per creare un’atmosfera. Basterebbe affidarsi agli afrodisiaci, sostanze chimiche che ci farebbero cadere innamorati della prima persona che incontriamo.

Allo stesso modo per chi si innamora della persona sbagliata, sarebbe possibile sviluppare un antidoto.

C’è anche la prospettiva di un test genetico per verificare se due innamorati sono predisposti ad una vita matrimoniale felice.

Nessuna poesia

I poeti vogliono far credere che l’amore sia una di quelle cose al di là della comprensione ma questo concetto è considerato sbagliato dal professor Young.

Ostrica

“Non sono sicuro che saremo in grado di comprenderlo completamente. ma sono convinto che le nostre emozioni si siano evolute dai comportamenti e dalle emozioni presenti già nel regno animale.

“Non penso che il modo in cui una madre ama il suo piccolo sia diverso dal modo in cui uno scimpanzé o una scimmia reso o anche un topo amano i loro piccoli.”

Gli scienziati hanno osservato che negli animali una sostanza chimica chiamata ossitocina entra in gioco nello sviluppo del legame tra la madre e il suo piccolo

Il professor Young pensa che sia molto probabile che un processo simile avvenga anche negli umani:

“E’ solo che quando sperimentiamo queste emozioni queste sono così ricche che non possiamo immaginare che siano solo una serie di eventi chimici.”

Ma anche se questo fosse vero per l’amore materno, è possibile che la relazione tra due innamorati si possa ridurre a uno schizzetto di ossitocina e poche altre sostanze chimiche al momento giusto ?

Il professor Young pensa che questo sia possibile.

Noi invece preferiamo pensare che i sistemi tradizionali siano più affascinanti e preferiamo ancora l’effetto afrodisiaco di una cena di San Valentino con un menù ben studiato.

E’ questo che cercheremo di creare per voi, per un San Valentino speciale, entro i limiti imposti dalla dieta, ma non per questo meno romantico .

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− 5 = tre