dimagrire senza rinunce

L’obesità riduce le probabilità di godere di una sana vecchiaia

Londra, 30 settembre

Le donne che ingrassano intorno alla mezza età riducono le loro possibilità di godere di una sana vecchiaia, secondo quanto afferma una nuova ricerca.

Lo studio suggerisce che le donne con un elevato indice di massa corporea (rapporto fra altezza e peso) alla mezza età, soffriranno più facilmente delle più gravi malattie croniche come cancro e malattie delle coronarie, oltre ad avere una bassa qualità di vita.

Il dottor Oscar Franco, professore alla Warwick Medical School, collabora con ricercatori della Harvard School of Public Health a Boston.

La squadra di ricercatori ha scoperto che per ogni kilo di aumento di peso a partire dall’età di 18 anni, la probabilità di una vecchiaia sana decresce del 5%.

Hanno anche scoperto che le donne in sovrappeso all’età di 18 anni continuano ad incrementare il loro peso anche in vecchiaia, aumentando notevolmente il rischio di sviluppare malattie croniche.

La squadra di ricercatori ha utilizzato uno studio sulla salute delle infermiere, che ha raccolto dati di oltre 120.000 infermiere vissute in 11 stati americani dal 1976, mediante questionari di controllo compilati ogni due anni per aggiornare le informazioni sull’incidenza di malattie e sui fattori che influiscono sullo stile di vita, e ha considerato come esempi di buon invecchiamento i soggetti in grado di raggiungere i 70 anni senza limitazioni rilevanti delle capacità cognitive e senza l’insorgenza di gravi malattie croniche.

Lo studio è stato pubblicato nel Settembre 2009 sul British Medical Journal.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− 1 = otto