dimagrire senza rinunce

Bere succo di frutta fresca riduce il rischio di obesità e di infarto

Un bicchiere di succo di frutta fresco ogni giorno può ridurre il rischio di obesità e la sindrome metabolica, un insieme di condizioni che aumenta il rischio di infarto, malattie cardiache e diabete, queste le conclusioni di una recente ricerca.

Nuovi studi presentati all’incontro Experimental Biology dello scorso Aprile 2009, hanno evidenziato come uomini e donne che bevevano giornalmente un bicchiere di succo di frutta fresca, avessero una minore resistenza all’insulina e un minor rischio di obesità e sindrome metabolica (la resistenza all’insulina è legata alla cosiddetta sindrome metabolica o “Sindrome x”, ed in casi estremi al diabete).

Esaminando i dati del sondaggio del National Health and Nutrition Examination (NHANES) 1999-2004 (una raccolta di dati su iniziativa del Centro per il controllo delle malattie – Università del Minnesota – Dottor Mark Pereira e Dottor Victor Fulgoni) si evidenzia che i consumatori di succo di frutta fresca hanno un Indice di Massa Corporea più basso, una circonferenza vita minore e una minore resistenza all’insulina rispetto ai loro colleghi non consumatori.

I ricercatori hanno notato un rapporto inversamente proporzionale tra il livello di succo di frutta ingerito (al giorno) e questi parametri.

I risultati delle analisi dimostrano che il rischio di obesità si abbassa del 22% tra i bevitori di succo di frutta, mentre la sindrome metabolica (definita come la presenza di tre o più dei seguenti fattori: obesità centrale, elevati livelli di glucosio nel sangue, elevati livelli di trigliceridi, basso colesterolo buono HDL, elevata pressione sanguigna)  è presente in un numero di casi inferiori del 15% se confrontati con quelli dei non bevitori di succo fresco di frutta.

“Sappiamo che mantenere una dieta sana, ricca di frutta e verdura, è collegata al minor rischio di alcune malattie croniche” fa notare il Dottor Pereira, che è un professore associato all’Università del Minnesota – Divisione di Epidemiologia e Salute pubblica.

“Un bicchiere di succo di frutta fresca conta come una porzione di frutta e quindi il consumo di succo di frutta fresca è associato agli stessi benefici” ha aggiunto l’esperto.

Tra gli oltre 14.000 partecipanti allo studio (un campione multietnico di americani adulti dai 19 anni in su) i consumatori di succo di frutta fresca avevano anche un’attività fisica più sana ed in genere una scelta di cibi migliore (meno grassi, più fibra e con minor zucchero aggiunto).

Tenuto conto di questo stile di vita migliore, il significato dell’assunzione di succo di frutta fresca perde parte della sua importanza, ma il rischio di obesità rimane comunque del 4% più basso nei bevitori di succo rispetto a chi non ne assume.

Una risposta a Bere succo di frutta fresca riduce il rischio di obesità e di infarto

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


uno × 9 =